APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2022-24: BUONSENSO E CONTI IN ORDINE

Approvato dall’aula di Palazzo Lascaris il bilancio di previsione finanziario 2022-24 della Regione Piemonte.

Un bilancio serio e con i conti in equilibrio, ha sottolineato il capogruppo regionale della Lega Salvini Piemonte, benché sulle spalle si porti ancora le schifezze finanziarie dei derivati eredità della sinistra e le spese extra sostenute per fronteggiare la pandemia: più di 600 milioni di euro, dei quali solo la metà ristorati dal governo. All’appello mancano più di 270 milioni, che sarebbero vitali per le politiche regionali. Un esempio è quello dei sanitari che sono stati assunti appunto per il Covid. Più di 1.100, tutti quelli che ne hanno maturato il diritto in base ai parametri statali, saranno stabilizzati con oltre 50 milioni di euro di fondi regionali.

Per il capogruppo leghista è evidente però che per una copertura complessiva serva l’intervento del governo. Da qui un riferimento al ministro Speranza: oggi di fatto la Sanità è stata appaltata alle cooperative con una spesa di 1.200 euro per ogni turno di notte, mentre i nostri medici ospedalieri sono sottopagati. E solo chi governa il dicastero della Sanità può cambiare questo meccanismo assurdo, ammesso ne abbia la volontà. Cosa sarebbe accaduto se fosse stato un politico di centrodestra ad avallare questa privatizzazione di fatto della Sanità?

Un bilancio realistico che nonostante la situazione non semplice guarda a tutto il Piemonte: si garantiscono 22 milioni di bonus alle imprese, si mettono 21 milioni per le case popolari, più di 20 milioni per la difesa del suolo. E in una fase storica senza precedenti si gestiranno i 3,8 miliardi di fondi europei per elaborare, insieme con il Pnrr, una strategia per il dopo pandemia. E proprio da questi fondi si otterrà la copertura per una delle misure bandiera della Lega nel 2022: una progressiva estensione della gratuità degli asili nido per fasce sempre più ampie della popolazione.

Nel corso del dibattito è stato poi approvato un emendamento presentato dal vicecapogruppo leghista e presidente della commissione Autonomia per stanziare 240mila euro destinati alle cure odontoiatriche di minori e famiglie in difficoltà economica. Un’azione, elaborata di concerto con l’assessore leghista ai Bambini, che coinvolgendo gli specialisti del settore permetterà di regalare un sorriso anche a chi, per colpa della pandemia e per gli effetti recessivi della guerra in Ucraina, è costretto a trascurare le spese mediche per rispondere alle più impellenti necessità del quotidiano.

Al dibattito ha partecipato anche il consigliere novarese della Lega relatore di maggioranza del provvedimento che ha ricordato come, in materia di conti e di gestione delle risorse, la maggioranza abbia già definito con chiarezza la sua politica, istituendo la commissione permanente dedicata all’Autonomia. Il Piemonte ha un residuo fiscale attivo che vale 8,6 miliardi di euro all’anno, il quarto del Paese: con una seria autonomia, per altro già prevista in Costituzione, grazie a quegli 8,6 miliardi si potrebbero affrontare la stabilizzazione dei precari della Sanità e le altre necessità del Piemonte, garantendo un governo molto più sereno ai territori e alle comunità. Ogni Regione può infatti chiedere l’autonomia che le spetta per un massimo di 23 materie. Un percorso che il Piemonte ha già intrapreso, istituendo appunto una commissione permanente dedicata: ora non resta che accompagnarlo nel modo più celere possibile, per magari chiuderlo entro questa legislatura.

Guardando al bilancio, il consigliere novarese del Carroccio ha rimarcato l’importanza dell’istituzione della Giornata regionale dedicata al gioco libero e, più in generale, l’attenzione riservata all’attività sportiva, un momento che permetterà ai bambini e ai ragazzi di orientarsi verso il gioco all’aperto secondo le loro inclinazioni. Un passaggio propedeutico all’attività sportiva, proprio quando il governo ha introdotto l’educazione motoria fin dalla quarta elementare. E grande attenzione allo sport e agli eventi è dimostrata anche dal contributo al Campionato Italiano Affiliati 2022-26 della Federazione Tennis, oltre che dai 5,4 milioni per la diffusione della pratica di base.

Di seguito le variazioni e le manovre più significative contenute nel bilancio previsionale 2022-24

COMMERCIO: 22 milioni di euro di bonus per le attività colpite dal Covid, 8,8 milioni per i distretti del commercio

CASE POPOLARI: 7,2 milioni di euro per l’assegnazione di alloggi sociali, 13 milioni per il recupero di immobili

DIFESA DEL SUOLO: 11,3 per la tutela dei territori, 10 milioni per la Protezione Civile

LOTTA ALLA LUDOPATIA: 3,2 milioni per i progetti delle Asl

TURISMO: rifinanziamento del Voucher Turismo, 15 milioni per la promozione turistica e per Atl, consorzi e Pro Loco, 6 milioni per il settore alberghiero

MONTAGNA: 1,2 milioni per il progetto “Le botteghe dei servizi”

SPORT: 28,4 milioni di euro, dei quali 5,5 milioni per i grandi eventi e 5,4 milioni per l’attività di base

AGRICOLTURA: 97,3 milioni di euro per Agricoltura, Politiche agroalimentari, Caccia e Pesca

DISABILITA’: un milione di euro per la formazione degli insegnanti di sostegno e l’integrazione dei minori

CULTURA: 42 milioni di euro, di cui 9,8 per le politiche culturali, gli spettacoli, le biblioteche, la lettura e l’editoria

GIOVANI: 600mila euro per il Servizio Civile regionale contro le baby gang

INDUSTRIA DELLA NEVE: 2,4 milioni per gli impianti da sci e l’innevamento

AMBIENTE: 1,6 milioni per la rimozione dell’amianto, 10 milioni per la qualità dell’aria

SOCIALE: 240mila euro per le cure odontoiatriche di famiglie e minori in difficoltà