50 MILIONI PER LE BORSE DI STUDIO, ECCO LA RIPARTIZIONE DEGLI STANZIAMENTI

Cinquanta milioni di euro per le borse di studio riguardanti l’anno accademico 2021-2022 nel bando emesso da Edisu, l’ente regionale per il diritto allo studio universitario del Piemonte, rivolto al sostegno al diritto allo studio e per i servizi abitativi.

“Dei 50 milioni stanziati – spiega nel dettaglio Gianluca Gavazza, consigliere regionale del gruppo Lega Salvini Piemonte -, il 66% sono stati destinati per gli studenti residenti in Italia, il restante 34% per gli studenti stranieri. Il 26% dei fondi erogati è stato assegnato agli studenti residenti in Piemonte. Dei 13 milioni di euro destinati ai piemontesi il 58,5% è stato assegnato in provincia di Torino e il restante suddiviso fra le altre province: Cuneo 16%, Alessandria 6,6%, Asti 5,8%, Biella 4,9%, Novara 3,8%, Vercelli 3,4% e Vco 1%. Venti milioni di euro sono stati assegnati agli universitari residenti nel resto delle regioni italiane con la seguente suddivisione: Sicilia 26,2%, Puglia 23%, Calabria 7%, Sardegna 7%, Campania 5,5%, Lombardia 5 %, Liguria 4,8%, Basilicata 4%, Abruzzo 3%, Lazio 2,6%, Veneto 2,1%, Toscana 2%, Marche 1,9%, Valle d’Aosta 1,3%, Emilia Romagna 1,3%, Molise 1,1%, Umbria 1,1%, Friuli Venezia Giulia 0,8%, Trentino Alto Adige 0,3%”.

Tra le novità del bando la possibilità per gli studenti stranieri di presentare la domanda fino a febbraio, mentre gli studenti residenti in Italia hanno potuto accedere utilizzando lo Spid.

“La Regione Piemonte ha garantito le borse di studio agli studenti universitari – sottolinea il consigliere regionale Gianluca Gavazza -. Il Piemonte premia, dell’Italia, la sua più bella gioventù. Un intervento importante che conferma l’attrattività del nostro sistema universitario e sostiene gli studenti che scelgono di completare il loro percorso di studi in Piemonte”.